Pin It

12:33:24 CASAL DI PRINCIPE. «L’Umbria non è Casal di Principe, l’Umbria è civiltà». A dichiararlo è Walter Verini, deputato, scelto da Nicola Zingaretti come commissario del Pd in Umbria dopo gli scandali che hanno travolto la Regione e il Partito democratico sulla gestione della sanità.

Verini è intervenuto questa mattina al programma Mattina cinque in onda su Canale 5 utilizzando un banale luogo comune inappropriato e inconferente rispetto ad una vicenda, quale quella dello scandalo sanità, che certamente non fa bene al Pd.

Un’uscita infelice, per essere benevoli, che, chiaramente, non è passata inosservata a Casal di Principe e nel circolo cittadino del Partito democratico, impegnato da anni, accanto a Renato Natale nell’azione di rilancio della città con risultati lusinghieri. A puntare il dito contro il dirigente Pd è il segretario Ennio Natale che pretende scuse immediate per queste esternazioni.

«Se non arriveranno ad horas le scuse da parte di Verini e dello stesso segretario Zingaretti che ha scelto questo signore, il circolo di Casal di Principe non farà campagna elettorale alle europee – ha spiegato – anzi, è più corretto dire che se non ci saranno scuse diffuse con la stessa evidenza e lo stesso clamore di quella fesseria, a Casal di Principe non esisterà più un circolo del Pd».

Ennio Natale sottolinea come «civiltà sia Casal di Principe» dal momento che «in cinque anni il sindaco e la sua squadra sono riusciti a superare il dissesto finanziario, riattivare i servizi, riportare la città ad una condizione di normalità realizzando una governance che è diventata un modello di gestione per tutti per qualità e trasparenza».

«Da una parte abbiamo degli arresti per corruzione, l’Umbria, dall’altra un sindaco che ha saputo fare della legalità e della trasparenza i tratti distintivi dell’azione quotidiana, Casal di Principe – ha chiosato Natale – Alla luce di tutto questo mi domando e ci domandiamo come sia possibile fare delle associazioni del genere…

Natale è tra i protagonisti di Avviso pubblico, l’associazione di amministratori impegnata nella promozione della legalità e delle buone pratiche, ha sempre condotto una vita ancorché un’azione politica improntata sul rispetto della legalità e delle regole».

Un caso non caso che, certamente si sarebbe dovuto evitare visti i risultati degli ultimi anni che la giunta Natale, la dirigenza del Partito democratico e la cittadinanza tutta hanno raccolto a Casal di Principe.