Pin It

17:32:03 Sasà Martucci, da tanti identificato come uno dei due “Masanielli” di Caserta (l’altro è Francesco, ovvero i due maggiori rappresentanti della famiglia Martucci), classe 1983 una vita intera fino ad oggi dedicata interamente alla pizza.

Un successo che parte da lontano, fin da bambino infatti già dall’età di 10 anni, Sasà il più piccolo della famiglia Martucci si avvicina a questo mondo che poi sarà la sua fortuna dopo anni di sacrifici.

E’ lo stesso Sasà a parlarne emozionato con una umiltà che parte dal cuore ma allo stesso tempo anche una sana consapevolezza “Esigenze familiari di quell’epoca mi imponevano di darmi da fare, in famiglia non c’erano soldi, tempi duri per noi e quindi lavorare era quasi un obbligo per dare una mano a casa. Solo la nonna riusciva ad aiutarci mentre la mamma era una umile servitrice che cercava di “arrangiarsi” in lavoretti occasionali”.

La “fortuna” però era già in famiglia perché Sasà ha due zii entrambi maestri pizzaioli, Dino con il quale ha iniziato da bambino e poi Francesco Pagliaro.

“Sono rimasto affascinato da questo mondo grazie a mio zio Dino, ovviamente tutto gradualmente - dice Sasà – all’inizio facevo il lavapiatti, lavoravo in sala e poi magari a fine serata iniziavo a prendere dimestichezza con i panetti. Parallelamente c’era anche la scuola dell’obbligo da portare avanti e quindi per me era dura fare tardi al locale e poi frequentare la scuola e dover studiare”.

Una vita già con il destino segnato probabilmente tant’è che a 15 anni Sasà compie il suo primo passo “Poco più che adolescente in Via Roma a Caserta presso Pizza Napoli c’è stata la mia prima esperienza dove in prima persona portavo avanti una pizzeria, l’ho fatto per quasi quattro anni.

Ero un tuttofare, sostituivo nel mio giorno libero anche mio fratello Francesco presso Speedy Pizza e facevo le consegne con il motorino, con qualsiasi evento meteorologico.

C’erano giorni in cui zuppo fradicio di acqua per la pioggia non avevi nemmeno la riconoscenza della gente per asciugarti, ma questo non mi fermava anzi mi dava sempre più voglia per realizzare il mio sogno”.

Non a caso nel 2001 poco più che maggiorenne la famiglia Martucci finalmente corona il suo sogno aprendo una pizzeria propria in Via Acquaviva sempre a Caserta con forno a legna, l’impostazione è quella della pizza a taglio, anche d’asporto e con la consegna a domicilio. Così comincia la storia dei “Masanielli” e Sasà comincia la sua scalata verso una “carriera” che già si delinea importante “Faccio il banconista, mi occupo delle consegne e sono orgoglioso di dare il mio contributo in una realtà dove c’è l’apporto di tutti.

Mio fratello Francesco come pizzaiolo, mia sorella Sabina e mamma Maria invece in cucina che si occupano anche della friggitoria. La mamma è stata una guida morale e lavorativa per noi, un esempio ed un vero supporto”.

Ma nel 2007 Sasà decide di dare la svolta alla propria vita lavorativa lasciando i “Masanielli” come ci spiega lui stesso “Eravamo in tanti nella nostra attività ed io volevo crescere e crearmi una mia vita senza dipendere sempre dalla famiglia.

L’ho fatto per una crescita professionale perché andando al “Solito Posto” di Franco Pagliaro per 5 anni mi sono formato definitivamente, ho appreso tanto, e nel corso di questi anni sono riuscito ad essere il responsabile dei pizzaioli”.

Diventato ormai l’elemento di punta dell’arte bianca, pizzaiolo in rampa di lancio e con un bagaglio d’esperienza ormai ben solido nel 2012 rientra nella pizzeria di famiglia per un motivo ben preciso “C’era il rischio che la nostra attività poteva chiudere perché Francesco decise di aprire una pizzeria tutta sua molto più grande. Una pizzeria ormai affermata come la nostra non poteva scomparire e quindi decido di prendere io le redini in mano dell’attività che aveva quindi bisogno di una figura come la mia”.

L’attività continua ad avere successo tant’è che nel 2014 Sasà con la famiglia decidono di trasferirsi un pò più avanti ma sempre a Via Acquaviva in un locale più grande con 20 coperti, senza abbandonare però l’impostazione iniziale della pizzeria.

La fase di crescita è esponenziale e nel 2016 preso anche dall’effetto nostalgia a Sasà viene la pazza idea di trasferirsi nei locali che lo hanno visto crescere a Via Vivaldi, a pochi metri da Via Acquaviva.

Si passa da 20 a ben 140 posti “Ho voluto cavalcare l’onda positiva della pizzeria di famiglia, ormai ero pronto al grande passo ed a soddisfare la grande clientela che già affollava la nostra vecchia pizzeria. Mi è venuto subito in mente di realizzare questo progetto dove tutto ha avuto inizio per me, ovvero quei locali che ospitavano mio zio Francesco e dove sono cresciuto professionalmente e mi hanno visto diventare quello che sono oggi.

Finalmente inizio a gestire un locale tutto mio, vedo coronare un sogno fatto di sacrifici con i piedi però sempre ben saldi a terra”.

Dal 2007 dove Sasà è un semplice apprendista al 2016 dove lo stesso è un pizzaiolo affermato con un locale tutto suo, uno staff fidato di circa 20 persone ma che lo vede sempre in prima linea ad “ammaccare” ogni singola pizza come lui stesso spiega “Ho uno staff di primo livello di cui mi fido ciecamente e con il quale c’è confronto quotidiano, non si smette mai di imparare e non mi sento arrivato ed è questo il motivo dell’essere sempre il primo a lavorare la pizza”.

Una gavetta che parte dal basso e che lo porta ad un successo magari insperato molti anni prima ma voluto fortemente, Sasà Martucci infatti senza mai dimenticare da dove è venuto proprio per questo motivo partecipa a molti eventi anche di natura benefica e grazie alla sua umiltà nel 2018 si è piazzato al 45esimo posto nella prestigiosa classifica 50 top pizza che premia le migliori pizzerie d’Italia e del mondo.

“Un premio prestigioso per me e per il mio staff che ci stimola a fare sempre meglio - afferma Sasà – però il premio che più mi fa contento ogni giorno è avere il locale sempre pieno di gente, con i clienti che fanno anche lunghe file pur di mangiare la nostra pizza. Questo è davvero un attestato di fiducia che non ha prezzo”.

Sasà Martucci è infatti sinonimo di ricerca, sia nei prodotti inteso come materia prima sia per gli impasti, non a caso è uno dei pochi pizzaioli in zona casertana che tiene stage ed è docente esterno presso la scuola di cucina “Dolce & Salato” a Maddaloni.

A soli 36 anni il Martucci è ormai una vera icona della pizza, una pizza creata ad immagine e somiglianza dell’idea di famiglia e che incarna a pieno il pensiero di Sasà, Via Vivaldi a Caserta lo si può tranquillamente affermare a gran voce è un vero è proprio luogo di culto del genere.

Maggio 2019
DLMMGVS
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Articoli più letti

CASTEL VOLTURNO – Bloccato con pistola…

20-05-2019 Hits:167 Cronaca La Redazione

15:14:37 Un brillante risultato è stato conseguito dagli uomini del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Castel Volturno diretto dal Dr. L. GRAZIANO che nella mattinata odierna, all’esito di un’intensa attività...

Read more

PRIMA COMUNIONE – Auguri alla nostra G…

20-05-2019 Hits:267 L'angolo delle Dediche La Redazione

12:26:35 CASERTA. Auguri a Giorgia Volpicina per la sua prima comunione.

Read more

VOLALTO IN SERIE A1 - Zinzi: Complimenti…

20-05-2019 Hits:149 Sport La Redazione

09:27:08 "La promozione in A1 della Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta rappresenta il coronamento di una stagione vissuta sempre ai massimi livelli ed è il risultato della bravura e della...

Read more