Pin It

16:12:03 ACERRA. Da tempo il vescovo di Acerra è al fianco degli operai de La Doria, «una bella azienda che negli anni, grazie in particolare al sito di Acerra, è diventata leader in Italia nella produzione di sughi pronti».

Il presule si è scontrato però, fin dall’inizio, con la «rigidità» dei vertici dell’azienda, che monsignor Antonio Di Donna definisce «chiusi e inflessibili». E tuona: «Adesso si negano pure al telefono». La Doria, dopo tanti anni di attività ad Acerra, ha deciso di cessare la produzione nel sito, per spostarla in città dove conta altrettanti insediamenti produttivi, disinteressandosi del disagio dei lavoratori, e mostrando insensibilità nei confronti dell’economia e del sano sviluppo di un’intera Comunità. Chiudere ad Acerra un’azienda come La Doria significa infatti per monsignor Di Donna dare «un colpo quasi mortale alla naturale vocazione agricola del territorio», esponendolo al rischio di diventare sempre più «terreno di conquista di siti inquinanti». Il vescovo di Acerra ha continuamente invocato l’impegno di tutti, sollecitando tavoli istituzionali di concertazione, locali e ai più alti livelli, perché «la posta in gioco è alta» e riguarda il futuro di tutti, fino a denunciare le contraddizioni di «una visione miope e schizofrenica dello sviluppo del territorio», che con l’abbandono di aziende come La Doria può «perdere definitivamente la propria identità». Oggi, dopo il licenziamento dell’operaio e sindacalista Michele Gaglione, l’amarezza e la delusione sono ancora più grandi, perché, afferma il vescovo Di Donna, «dalla dismissione dello stabilimento e dalla completa chiusura di fronte alle ragioni di un’intera Città, siamo passati alla ricerca di un pretesto per licenziare chi con fatica e impegno ha portato avanti la lotta affinché l’azienda rimanesse e investisse in un territorio già martoriato dal dramma umanitario dell’inquinamento ambientale». E forse per questo «più fastidioso e pericoloso». Esprimendo solidarietà a Michele Gaglione, monsignor Di Donna ribadisce e conferma l’amara «impressione che a questa azienda Acerra non piaccia», sollecitando ancora una volta tutte le Istituzioni, «in particolare quelle locali», ad «un impegno più convinto e credibile» che offra «possibilità concrete di riscatto al territorio».

 

Maggio 2019
DLMMGVS
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Articoli più letti

CAPUA – A l’Accademia Palasciania il…

25-05-2019 Hits:257 caserta & dintorni La Redazione

15:00:32 A Capua e dintorni, dal 28 maggio al 27 luglio 2019, l'Accademia Palasciania terrà il XIII festival-laboratorio palascianiano di scienza, filosofia, poesia, arti varie, gioco e umana armonia "La...

Read more

FRIDAY FOR FUTURE - Anche gli studenti d…

24-05-2019 Hits:326 Notizie La Redazione

16:00:53 PIEDIMONTE MATESE. Sono più di 400 gli studenti matesini che sono scesi in piazza per lo Sciopero Globale organizzato dal movimento Fridays For Future.

Read more

SAN FELICE A CANCELLO – Lesioni e port…

24-05-2019 Hits:525 Cronaca La Redazione

21:31:30 SAN FELICE A CANCELLO. Si è celebrato stamane innanzi al Tribunale Penale di Santa Maria Capua Vetere, Giudice Dott. Meccariello, il processo a carico di Umberto Nuzzo classe ’96...

Read more