21:57:11 SANTA MARIA CAPUA VETERE Coerenza, estraneità a vicende passate e presenti del COA, difesa della propria identità e del valore delle idee e, ancor di più, la difesa della categoria, hanno indotto il gruppo "Passione ed Impegno Forense" a partecipare autonomamente alle elezioni, in aperta discontinuità con le passate gestioni dell’Ordine professionale.

Gli Avv.ti Laura Tramontano, Barbara Taglialatela, Maria Giovanna Vendemia, Maurizio De Pascale, Giuseppe Gallo, Agostino Cerullo, Elio Di Caprio, Luigi Sperino e Enrico Monaco, con atteggiamento propositivo e pragmatico si sono ritrovati intorno al programma che intendono sottoporre al giudizio degli elettori e che hanno congiuntamente stilato partendo proprio dalle criticità e dalle spaccature che purtroppo hanno contraddistinto l’operato e le azioni del Consiglio uscente.

Di centrale importanza è sicuramente l’impegno che il gruppo intende profondere per stemperare e ricucire l’evidente contrasto tra il COA e la Fondazione Forense, fondamentale risorsa a disposizione di tutta l’avvocatura cui dovrebbe garantire l’elevazione professionale ed importanti momenti di confronto, oltre ad essere l’anello di congiunzione tra le Istituzioni Giuridiche presenti sul territorio.

Altrettanto centrale nel programma è la garanzia di una totale trasparenza che caratterizzerà l’azione dei consiglieri che verranno eletti. Verranno infatti integralmente resi noti i verbali delle sedute del Consiglio, le modalità e i criteri di scelta dei componenti della FEST, nonché tutti gli atti ed i provvedimenti del COA (come bilanci, avvisi etc.), la cui pubblicazione sarà effettuata, senza censure (se non per questioni disciplinari o particolarmente delicate), sul sito istituzionale dell’Ordine.

Attenzione particolare verrà inoltre dedicata all’adeguatezza dell’edilizia Giudiziaria, attraverso un continuo monitoraggio che sarà finalizzato a consentire l’esercizio della funzione difensiva dell’Avvocatura in luoghi adeguati restituendole prestigio, dignità ed autorevolezza.

Verrà inoltre favorita l’istituzione di una commissione informatica per lo studio di un progetto finalizzato alla dotazione, per tutti gli iscritti, di un software PCT gratuito, oltre all’individuazione e allo stanziamento di fondi per la realizzazione di una rete wi-fi che possa servire l’area del Palazzo di Giustizia, con punti di accesso PCT aperti a tutti i Colleghi. Inoltre, per andare incontro alle esigenze dei Colleghi in particolari condizioni di difficoltà, saranno stipulate specifiche convenzioni per dotare, principalmente i giovani praticanti ed i Colleghi che ne manifestino necessità, di un software PCT ed un gestionale di studio, totalmente gratuiti.

Passione ed Impegno Forense si occuperà di rivedere il vigente protocollo per la gestione delle udienze civili e penali (con l’imposizione, per esempio, di orari per le prove testi, o per i giuramenti CTU – fino ad arrivare al risultato delle udienze ad orario fisso); l’istituzione di un protocollo che disciplini le modalità e i termini di liquidazione per il gratuito patrocinio, fino alla precisazione degli importi da liquidare per ogni fase, ecc); la disciplina delle separazione e dei divorzi (ad es. con la previsione di automatismi nella liquidazione del mantenimento); il processo civile telematico (con la semplificazione di alcuni adempimenti ancora a carico degli avvocati); le esecuzioni immobiliari e mobiliari; le modalità di accesso alle cancellerie (ad es. con la previsione di digitalizzazione dei verbali d’udienza – così da evitare la richiesta di copie soggette a bollo).

Anche l’affidamento di incarichi (mediazioni, arbitrati, organismi di composizione della crisi da sovraindebitamento, fallimenti, domiciliazioni e short list Enti pubblici) avverrà in modo trasparente e sarà garantito a tutti i Colleghi del foro, secondo criteri di rotazione e di turnazione analoghi a quelli previsti per difensori d’ufficio, con la previsione della incompatibilità a ricoprire i predetti incarichi da parte dei Consiglieri dell’Ordine. Verrà modificato il regolamento dell’organismo di mediazione presso il COA al fine di prevedere la corresponsione di un minimo compenso al mediatore, anche in caso di mediazione conclusa negativamente, perché non è corretto, oltre che ingiusto, che l’organismo di mediazione incameri i diritti di mediazione, utilizzando gratuitamente la collaborazione dei Colleghi-mediatori.

Questi in sintesi i punti programmatici che contraddistinguono la proposta oggettivamente innovativa del Gruppo Passione ed Impegno Forense che, con la sua presenza, sicuramente arricchirà il livello del dibattito in vista delle prossime elezioni.

 

 

Marzo 2019
DLMMGVS
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Articoli più letti

VERSO LE COMUNALI AVERSA – L’area Ol…

23-03-2019 Hits:139 speciale elezioni La Redazione

11:48:13 AVERSA. Riceviamo e pubblichiamo il documento presentato dall'area Zingaretti vicina a Gennarro Oliviero sulla richiesta di convocazione dell'assemblea ad Aversa:

Read more

IL LIBRO - Le Fontane di Caserta, doppia…

23-03-2019 Hits:93 caserta & dintorni La Redazione

17:09:50 CASERTA. Questa domenica doppio appuntamento con la scrittrice Mariella Giaquinto per la presentazione del suo libro “ Le fontane di Caserta; tra arte e storia dal Palazzo del Re...

Read more

IL DOCUMENTO - Formato apre il PD: A con…

23-03-2019 Hits:110 Politica La Redazione

13:47:59 MADDALONI. A seguito della celebrazione delle primarie del 3 marzo per la scelta del segretario nazionale e regionale, continua il lavoro sul territorio del circolo del Partito Democratico maddalonese...

Read more