11:22:21 CAPUA. Viaggi turistici nello spazio: non è più semplice fantasia, ma nel giro di due anni potrà diventare realtà. Entro il 2020 dovrebbe prendere vita il primo spazioporto del pianeta che dovrebbe sorgere a Taranto Grottaminarda. Il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti ha incaricato l'Enac di attuare “tutte le azioni necessarie per realizzare e attivare la struttura entro il 2020”.

In questa operazione un ruolo attivo lo avrà anche il Cira di Capua che collaborerà alla realizzazione sia degli spazioplani che dello spazioporto.

Per chi non potrà permettersi il costoso biglietto per un viaggio oltre l’atmosfera, ci potrebbe essere la più accessibile via di un simulatore che riproduce le sensazioni di una simile esperienza. Ad essere interessato è tutto il sistema-Paese, con una molteplicità di attori coinvolti e una grande varietà di ambiti applicativi che vanno dal trasporto aereo alla ricerca scientifica. “È stato messo in campo uno sforzo positivo – ha spiegato, fresco di conferma, il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Roberto Battiston – da parte della Cabina di regia per lo Spazio, dell’Enac, degli esperti del Mit, dell’Asi e della Difesa per analizzare tutti gli aeroporti italiani, per definire quale tra le infrastrutture fosse più indicata ad ospitare lo SpaceShipTwo della Virgin Galactic, attualmente unico sistema aereo in grado di raggiungere e superare il fondo dell’atmosfera”. “Con l’individuazione di Grottaglie è stata così portata a compimento un’attività che era stata chiesta circa 6 mesi fa nell’ambito della Cabina di regia – ha detto Battiston – raggiungendo un primo risultato nella strada del suborbitale in Italia”. Quanto ai futuri step da superare: “Gli accordi che Virgin Galactic e Altec hanno siglato nell’ultimo anno – ha aggiunto il presidente dell’Asi – gettano le basi industriali e collaborative per poter far nascere l’iniziativa pubblico-privata per sviluppare non solo lo spazioporto, ma anche per definire gli investimenti necessari e il business model adatto alla sostenibilità economica del progetto”.

In prospettiva, ha assicurato Battiston, “si potranno realizzare nel nostro Paese anche elementi dei futuri spazioplani attraverso la filiera industriale nazionale”.

“L’intera opportunità di fare voli suborbitali dall’Italia si basa su tre pilastri e non si esaurisce al settore del turismo”, ci ha spiegato Vincenzo Giorgio, ad di Altec, la società dell’Agenzia spaziale italiana (Asi) e di Thales Alenia Space, che nel 2016 ha siglato un accordo con l’americana Virgin Galactic per studiare la possibilità di realizzare uno spazioporto in Italia e costruire un velivolo da operare nel nostro Paese.

 

 

Marzo 2019
DLMMGVS
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Articoli più letti

GUARDA LE FOTO - La Primavera dei Borbon…

24-03-2019 Hits:77 Gusto La Redazione

10:33:01 CASERTA. La cucina e la natura sono strettamente legate: l’interesse per la cucina non deve mai superare il rispetto per il cibo, e dunque per i frutti che la...

Read more

SESSA AURUNCA – Bloccati sulla Domitia…

24-03-2019 Hits:93 Cronaca Francesco Marino

14:10:28 In Sessa Aurunca, strada statale Domitiana km.0+100, i Carabinieri della Stazione di Baia Domizia hanno tratto in arresto, per tentato furto aggravato, VITIELLO Pasquale, cl. 87, di Napoli, TRINCHILLO...

Read more

VERSO LE COMUNALI AVERSA – L’area Ol…

23-03-2019 Hits:271 speciale elezioni La Redazione

11:48:13 AVERSA. Riceviamo e pubblichiamo il documento presentato dall'area Zingaretti vicina a Gennarro Oliviero sulla richiesta di convocazione dell'assemblea ad Aversa:

Read more