00:01:53 La Pallacanestro San Michele Maddaloni non lascia scampo a Monte di Procida e infila la quinta vittoria consecutiva, nonostante l'assenza di Salvatore Desiato ancora alle prese con la terapia per riprendersi dall'infortunio al piede. L'avvio di gara è scoppiettante, il ritmo è piuttosto sostenuto e dopo 2'30" si è sull'8 pari.

I padroni di casa giocano bene e fanno girare il pallone, anche se a realizzare sono soprattutto Francesco Chiavazzo (doppia-doppia 19+12 assist) con le sue serpentine e Carmine Moccia ispirato dall'arco. L'attacco biancazzurro funziona a dovere e così al 7' il parziale è di 25-14. La doppia cifra di vantaggio viene conservata a cavallo dei due quarti anche perché Federico Requena fa la voce grossa sotto le plance (altra doppia-doppia da 20+11 rimbalzi), con nessun avversario che può contrastarlo. Al 13' Maddaloni raggiunge il massimo vantaggio sul 41-25. I ragazzi di coach Adolfo Parrillo giocano davvero bene. L'attacco è fluido e il pallone gira talmente bene che un giocatore è sempre libero per poter realizzare. Nel pitturato Luciano Rusciano e Francesco Della Peruta trovano canestri importanti così come Giuseppe Pascarella pronto a colpire dai 6,75. Al riposo lungo Maddaloni ha 13 lunghezze di vantaggio, eppure il gap poteva essere ben più ampio.

Al rientro dagli spogliatoi non cambia l'andazzo della partita, con i biancazzurri che impongono il proprio gioco. L'attacco continua ad essere molto prolifico, trovando sempre la miglior conclusione possibile. A turno tutti riescono ad andare a segno, e questo permette di allargare la forbice. Al 27' si scollina il fatidico più venti sul 77-57 grazie alle triple mandate a segno da Ivano Ragnino e Antonio Cioppa. La gara sembra ormai destinata a concludersi così, e invece Monte di Procida ha un sussulto. A cavallo tra la fine del terzo periodo e l'inizio dell'ultimo gli ospiti piazzano un break di 11-25 che gli permette di riaprire la contesa. Al 36', sul parziale di 88-82, coach Parrillo è costretto a chiamare un time-out per parlarci su. I biancazzurri comprendono i dettami del tecnico e rientrano mettendo a segno un break di 6-0 che chiude definitivamente la partita. C'è ancora un traguardo da raggiungere però, ovvero la tripla cifra. Obiettivo che viene raggiunto proprio all'ultimo giro di orologio grazie al tiro dalla distanza di Ragnino.

Pall. San Michele Maddaloni- Virtus Monte di Procida 102-85

Parziali: 29-18; 53-40; 79-66.

Maddaloni: Requena 20, Ragnino 6, Bocciero, Cioppa 11, Spallieri n.e., Moccia 22, Pascarella 8, Della Peruta 7, Rusciano 9, Chiavazzo 19, Cerreto n.e., All. Parrillo, Ass. Dandolo.

Monte di Procida: Di Meo n.e., Nastri 12, Fiorini 6, Regio 18, Barbieri 20, Esposito 17, Illiano 8, Lucci 4, Cennicola n.e., Scotti, All. Parascandola.

Arbitri: Mirko Sabatino e Mauro Sacco di Salerno (SA).