Contenuto Principale
Ricerca personalizzata

RICORSO SULLE ELEZIONI - Il Tar boccia anche Maddaloni: De Lucia resta sindaco, ma rischia di perdere un consigliere. Il 19 Lutri potrebbe scalzare Massaro

MADDALONI. Tutto come previsto: il Tar ha respinto il ricorso contro l’elezione di Rosa De Lucia a sindaco di Maddaloni.

La notizia in città non ha fatto più di tanto rumore, dal momento che, dopo le bocciature di Lusciano e, soprattutto, di San Felice a Cancello, in molti vedevano come già scritta la sentenza da parte del tribunale amministrativo di Napoli. Si tratta, comunque, solo di un primo round, dal momento che i ricorrenti si appelleranno al Consiglio di Stato a cui, poi, spetterà la decisione di sciogliere o meno l’amministrazione di Maddaloni. L’esito del verdetto di questa mattina, ha ringalluzzito ulteriormente il sindaco di Marcianise Antonio De Angelis che, invece, il prossimo 16 dicembre, attende il verdetto sulla validità della sua elezione. Ma, prima del Consiglio di Stato, c’è un’altra sentenza che potrebbe cambiare la geografia politica del consiglio comunale di Maddaloni. Il 19 dicembre, infatti, sempre davanti al Tar Campania, si discute il ricorso di Giuseppe Lutri, primo dei non eletti dell’Udc, contro Michele Massaro. Secondo il ricorrente, infatti, a Massaro, in una sezione di via Cancello sarebbero stati attribuiti 64 voti contro i 4 che, realmente, avrebbe raccolto. Se dovessero essere annullati sessanta voti a Massaro, Lutri sarebbe consigliere comunale. Attualmente, Lutri, anche alla luce del ricorso che è stato costretto a presentare, non si inquadra perfettamente nell’orbita della maggioranza e dell’Udc. Nelle prossime ore, comunque, sarà possibile avere un quadro più chiaro della situazione.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania

(Sezione Seconda)

ha pronunciato il presente

DISPOSITIVO DI SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 3294 del 2013, proposto da Caterina Ventrone, Gioacchino Di Lillo, Pietro D’Angelo e Fabio Di Vico, rappresentati e difesi dall’avv. Pasquale Marotta con domicilio ex lege (art. 25 c.p.a.) presso la Segreteria di questo T.A.R.; contro

il Comune di Maddaloni, in persona del Sindaco pro tempore, non costituito in giudizio;
il Ministero dell’Interno e la Prefettura di Caserta, in persona dei rispettivi rappresentanti legali pro tempore, rappresentati e difesi dall'Avvocatura Distrettuale dello Stato di Napoli, domiciliataria ex lege in Napoli, via Diaz, 11; 
l’Ufficio Centrale Elettorale del Comune di Maddaloni, in persona del Presidente pro tempore, non costituito in giudizio;
la Sottocommissione elettorale circondariale del Comune di Maddaloni, in persona del legale rappresentante pro tempore, non costituita in giudizio;

nei confronti di

Rosa De Lucia, rappresentata e difesa dall’avv. Egidio Lamberti, con domicilio eletto presso lo studio del dott. Massimo Lamberti in Napoli, via Costantino, n. 52;
Teresa Cafarelli, rappresentata e difesa dall’avv. Ferdinando Romano, con domicilio ex lege (art. 25 c.p.a.) presso la Segreteria di questo T.A.R.;
Mario Nicola D’Addiego, Luigi Bove, Dora Caturano, Giusy Pascarella, Giuseppe Canfora, Giacomo Lombardi, Giuseppe Magliocca, Gennaro Cioffi, Michele Massaro, Antonietta Bernardo, Belvito Angelo, Esposito Teresa, Giancarlo Vigliotta, Francesco Merola, Antonio De Rosa, Andrea De Filippo, Antonio Di Nuzzo, Vincenzo Vinciguerra, Filippo Iacobelli, Gaetano Esposito, Francesco Capuozzo, Enrico Pisani, Clemente Di Rosa, Domenico Bove, Ilaria Bove, Domenico Lettieri, Michele Vigliotta, Biagio Abbate, Vincenzo Lerro, Leonida d’Aiello, Maria Letizia, Concetta Di Lillo, Carmine Esposito, Giovanni Esposito, angelo Rispoli, Ciro G. Casapulla, Antonio Rescigno, Ferdinando Cioffi, Antonio Cerreto, Domenico de Lucia, Salvatore Mataluna, Giovanni Matteo Centore, Massimo Palmiero, Mara Carmina Sferragatta, Saverio Sferragatta, Paolo Marzo;

per l'annullamento

di tutti gli atti relativi allo svolgimento della competizione elettorale per l’elezione driretta del Sindaco e del Consiglio Comunale di Maddaloni nella tornata elettorale dei giorni 26 e 27 ,aggio 2013 e, precisamente:

a) del verbale del 15 giugno 2013 della Commissione dell’Ufficio Centrale Elettorale di proclamazione degli eletti Consiglieri Comunali e del verbale del 10 luglio 2013, nella parte in cui prevedono rispettivamente l’elezione dei consiglieri comunali appartenenti alle liste “PDL”, U.D.C.”, “Terra Mia”, “Per Maddaloni”, “Maddaloni Futura, “Movimento Popolare per Maddaloni”, “Uniti per Maddaloni”, “Fratelli d’Italia”, “Il Campanile”, “Insieme per Maddaloni”, “Impegno Comune”, “Partito Democratico” e l’elezione a Sindaco di Rosa De Lucia;

b) delle dichiarazioni di presentazione delle liste dei candidati del Consiglio Comunale e delle collegate candidature alla carica di Sindaco, con allegate sottoscrizioni dei presentatori delle liste e relative autenticazioni delle firme e, segnatamente: 1) delle dichiarazioni di presentazione delle liste collegate alla carica di Sindaco di Rosa De Lucia sottoscritte in data 24 aprile 2013 dai delegati Domenico Bove, Ilaria Bove, Domenico Lettieri, Michele Vigliotti, sottoscritte in data 26 aprile 2013 dai delegati Esposito Pietro, Biagio Abbate, Vincenzo Lerro, Leonida D’Aiello, Maria Letizia, Concetta Di Lillo e sottoscritte in data 27 aprile 2013 dai delegati Carmine Esposito, Giovanni Esposito, Angelo Rispoli, Ciro G. Casapulla, Antonio Rescigno, Ferdinando CIoffi, Antonio Cerreto, Domenico de Lucia; 2) delle dichiarazioni di presentazione delle liste collegate alla carica di Sindaco di Enrico Pisani, sottoscritte in data 26 aprile 2013 dai delegati Massimiliano Palmiero, Maria Carmina Sferragatta, Saverio Sferragatta, Paolo Marzo; 3) delle dichiarazioni di presentazione delle liste del “Partito Democratico” collegate al candidato Sindaco Gaetano Esposito, ignoti data e numero, sottoscritte dai delegati Salvatore Mataluna e Giovanni Matteo Centore;

c) degli atti endoprocedimentali di autenticazione delle firme delle presentazioni delle liste “PDL”, “U.D.C.”, “Terra Mia”, “Per Maddaloni”, “Maddaloni Futura”, “Movimento Popolare per Maddaloni”, “Uniti per Maddaloni”, “Fratelli d’Italia”, “Il Campanile”, “Insieme per Maddaloni”, “Impegno Comune”, “Partito Democratico”;

d) dell’atto endoprocedimentale di autenticazione, ignoti data e numero, della candidatura a Sindaco di Rosa De Lucia, di Gaetano Esposito e di Enrico Pisani;

e) degli atti endoprocedimentali, recanti tutti la data del 27 aprile 2013, di ricezione da parte del segretario comunale delle candidature di tutti i candidati consiglieri comunali nonché delle candidature per l’elezione diretta del Sindaco, delle liste “PDL”, “U.D.C.”, “Terra Mia”, “Per Maddaloni”, “Maddaloni Futura”, “Movimento Popolare per Maddaloni”, “Uniti per Maddaloni”, “Fratelli d’Italia”, “Il Campanile”, “Insieme per Maddaloni”, “Impegno Comune”, “Partito Democratico”;

f) delle dichiarazioni di accettazione, ignoti data e numero, delle candidature di tutti i candidati consiglieri comunali delle liste “PDL”, “U.D.C.”, “Terra Mia”, “Per Maddaloni”, “Maddaloni Futura”, “Movimento Popolare per Maddaloni”, “Uniti per Maddaloni”, “Fratelli d’Italia”, “Il Campanile”, “Insieme per Maddaloni”, “Impegno Comune”, “Partito Democratico”;

g) delle dichiarazioni di accettazione della candidatura a Sindaco di Rosa De Lucia, ignoti data e numero, di Gaetano Esposito del 26 aprile 2013 e di Enrico Pisani, ignoti data e numero;

h) di tutti i verbali con i quali la Sottocommissione elettorale ha ammesso alla competizione le liste “PDL”, “U.D.C.”, “Terra Mia”, “Per Maddaloni”, “Maddaloni Futura”, “Movimento Popolare per Maddaloni”, “Uniti per Maddaloni”, “Fratelli d’Italia”, “Il Campanile”, “Insieme per Maddaloni”, “Impegno Comune”, “Partito Democratico” ;

i) di ogni altro atto presupposto, connesso ovvero consequenziale.

Visti il ricorso e i relativi allegati;

Visto l'art. 130, comma 7, c.p.a.;

Visti gli atti di costituzione in giudizio del Ministero dell’Interno, della Prefettura di Caserta, di Rosa De Lucia e di Teresa Cafarelli;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nell'udienza pubblica del giorno 5 dicembre 2013 la dott.ssa Brunella Bruno e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue;

PER LE RAGIONI CHE SARANNO ESPOSTE IN MOTIVAZIONE

Il Tribunale Amministrativo della Campania (Sezione Seconda) definitivamente pronunciando sul ricorso in epigrafe indicato:

- dichiara l’estromissione dal giudizio del Ministero dell’Interno e della Prefettura di Caserta;

- respinge il ricorso in quanto infondato.

Spese compensate.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Così deciso in Napoli nella camera di consiglio del giorno 5 dicembre 2013 con l'intervento dei magistrati:

Leonardo Pasanisi, Presidente FF

Francesco Guarracino, Consigliere

Brunella Bruno, Primo Referendario, Estensore

 

 

Ricerca / Colonna destra

Ci hanno visitato

Abbiamo 209 visitatori e nessun utente online